Attrezzature e materiali di consumo per le industrie manifatturiere

Dischi abrasivi: Cubitron II o Quantum 3?

Scritto da Monia Bianchet il 2-feb-2018 11.16.54
Monia Bianchet

Dischi Abrasivi Norton Quantum 3 o Cubitron II

Per quanto il mercato dei dischi abrasivi conti centinaia di produttori, attualmente, gareggiano per il primato il Cubitron II prodotto dalla 3M e il più recente Quantum 3 sviluppato dalla Norton.

Forti della loro esperienza e dei continui investimenti nella ricerca e sviluppo, da anni i due giganti competono per trovare soluzioni migliori e più innovative.

Qual è quindi il prodotto migliore? 

Per rispondere a questa domanda, abbiamo condotto alcuni test, mettendo a confronto gli aspetti fondamentali di un buon disco abrasivo (Gratio, MMR e WWR) nei due prodotti.

I risultati sono molto interessanti: ad esempio, il Quantum 3 si è rivelato migliore per la quantità di materiale asportato. Ma vediamo nel dettaglio cosa abbiamo rilevato...

Indice degli argomenti:

 

Introduzione ai dischi abrasivi Norton e 3M

Mi è stato più volte chiesto di scrivere qualcosa sui ben noti e famosi prodotti NORTON, i più innovativi dischi abrasivi del leader mondiale Saint Gobain.

Ma cosa possiamo aggiungere oltre a ciò che è già evidente? Dopotutto, stiamo parlando di qualcosa (e di qualcuno) ben conosciuto sul mercato, molto diffuso a livello mondiale e, soprattutto, di successo.

Il mercato dei dischi abrasivi annovera centinaia di produttori, da quelli a diffusione locale/regionale a quelli a distribuzione e divulgazione mondiale. 

I produttori di abrasivi conosciuti a livello mondiale sono sostanzialmente due: 3M e NORTON. Sono loro a guidare le innovazioni nel campo dell’asportazione del metallo, scoprendo e sviluppando sempre nuove e più performanti soluzioni e prodotti.

Produttori mondiali di dischi abrasivi

Forti della loro esperienza e grazie ad un centro di ricerca e sviluppo continuamente al lavoro per fabbricare nuovi leganti, nuove combinazioni di abrasivo, nuove formule, 3M e NORTON combattono faccia a faccia per spartirsi il mercato e trovare soluzioni superiori.

Grazie anche a questo spirito di competizione, qualche anno fa 3M trovò la formula nota in tutto il mondo con il nome di CUBITRON; formula che quasi tutti i produttori di dischi, sia piccoli che grandi, hanno cercato - con risultati generalmente scarsi - di imitare.

L'unico in grado di trovare una formula alternativa al CUBITRON è stato NORTON.

Nella metà del 2016, infatti, NORTON ha lanciato il suo prodotto di punta per le applicazioni di sbavatura da fonderia e carpenteria: il Norton QUANTUM 3, in grado di superare le notevoli prestazioni del CUBITRON II.

In questo articolo mi riferirò esclusivamente ai dischi QUANTUM 3 rigidi e per sbavatura; approfondirò gli stessi dischi di tipo flessibile (dischi fibrati e lamellari) in un altro momento.

 

I requisiti di un buon disco abrasivo per gli operatori

Prima di vedere le caratteristiche principali di questo prodotto, partiamo dalle domande più frequenti che gli sbavatori fanno a chi di solito gli propone un disco nuovo da sbavare:

  • Il disco richiede poca pressione da esercitare sul pezzo?
  • Quali vibrazioni produce durante la lavorazione?
  • Che confort ottengo durante il lavoro?
  • Il disco asporta facilmente il metallo?
  • Il disco lavora in fretta?

L’operatore cerca uno strumento che lo aiuti a ridurre la fatica richiesta dalla lavorazione.

Teniamo conto, infatti, che, soprattutto nel caso di asportazioni gravose, gli sbavatori utilizzano solitamente smerigliatrici il cui peso può andare dai 3,5 Kg per le smerigliatrici pneumatiche di alta qualità, fino agli 11 Kg per le smerigliatrici ad alta frequenza: pertanto provate a pensare alla fatica che l’operatore deve fare per:

  • sostenere con le braccia la smerigliatrice per almeno 8 ore al giorno
  • esercitare la pressione per eseguire la lavorazione del pezzo di metallo.

Ecco perchè fattori come la pressione, le vibrazioni indotte, la capacità del disco di asportare facilmente il materiale sono fattori fondamentali per chi deve sbavare, influenzando notevolmente la scelta del disco abrasivo.

 

I requisiti di un buon disco abrasivo per l'azienda

Dal lato aziendale, invece, fattore fondamentale e altrettanto importante è la produttività, cioè la capacità del disco abrasivo di asportare una grande quantità di materiale nel minor tempo possibile, mantenendo però costanti le capacità di asportazione del disco.

Cosa intendo per “mantenere costanti le capacità di asportazione del disco”?

Intendo dire che, durante la lavorazione, il disco può subire delle alterazioni legate al suo utilizzo che ne possono ridurre le prestazioni: ad esempio, ad un certo punto un disco abrasivo potrebbe diventare talmente duro che, oltre a non consumarsi (cioè a non ridurre il suo diametro), non è più in grado di asportare. Di conseguenza, l'operatore continua ad esercitare una notevole pressione, ma la quantità di materiale asportato diventa sempre minore.

Se, apparentemente, il mancato consumo del disco potrebbe essere considerato una buona qualità del disco in quanto consumandosi meno, il disco dura di più e si riducono i costi e il tempo di set up, nella realtà è lo stesso fenomeno che accade con alcuni pneumatici per auto: dopo un pò di tempo la gomma non si consuma più, il pneumatico sembra ancora buono, però non garantisce più la tenuta di strada.

Quello che si pensa essere un fattore vantaggioso nella realtà si traduce in un notevole scompenso perchè l’operatore, dovendo esercitare una maggiore pressione, deve fare molta più fatica e l’asportazione di materiale è notevolmente ridotta, il che significa maggior tempo necessario per eseguire la lavorazione.

Mi soffermo su questi aspetti perchè progettare un prodotto che in sè soddisfi sia l’esigenza dell’operatore che l’esigenza dell’azienda in termini di produttività e qualità non è proprio così facile.

 

Le caratteristiche tecniche del disco abrasivo Norton Quantum 3

Già negli anni 70, NORTON era diventata leader mondiale con il ben noto e tuttora eccezionale prodotto NORZON. Cavalcando per prima la politica della produttività, intesa come la massima capacità di un disco di asportare nell’unità di tempo, ancora oggi la stessa filosofia viene ulteriormente rinfrancata attraverso una tecnologia ancora più evoluta e moderna, che tiene in conto non solo del fattore velocità di asportazione ma anche della durata del disco e del confort nell’utilizzo.

Il disco QUANTUM 3, infatti, ingloba in sè tutte e 3 le seguenti caratteristiche:

  1. VELOCITA’ DI ASPORTAZIONE DEL MATERIALE.
  2. MAGGIORE DURATA DEL DISCO: mantenimento per maggior tempo delle prestazioni iniziali.
  3. COMFORT PER L’OPERATORE: minor pressione da esercitare, minor sforzo, minori vibrazioni prodotte.

Caratteristiche Disco Abrasivo Norton Quantum 3

Si tratta di una mola che abbina sapientemente l’abrasivo in Ossido di Alluminio, con il più evoluto abrasivo ceramicato unitamente ad un agglomerante più tenace, che contiene una combinazione unica di fillers e agenti leganti che permettono una migliore qualità di miscelazione in produzione. La miglior miscelazione permette una migliore coesione dei grani per una maggiore resistenza all’usura.

Questa omogenea distribuzione crea una migliore tenuta del grano abrasivo al legante in modo da garantire velocità di taglio maggiori con pressioni minime. Inoltre, le grane del Quantum 3 sono più arrotondate rispetto a quelle più appuntite della concorrenza, garantendo un’azione di asportazione maggiore ed un maggior controllo da parte dell’operatore.

Questa caratteristica fa sì che il disco non “maltratta” il pezzo da lavorare ma “scivola” sulla superficie asportando facilmente grandi quantità di materiale, senza sforzo e con notevole velocità.

Si dice infatti che il disco “morde” il materiale e lo slogan per questa linea di prodotto è proprio: Made to Bite.

Disco abrasivo Norton Quantum 3

Le mole Quantum 3 sono anche prive di sostanze dannose: il contenuto di ferro, zolfo e cloro è minore dello 0,1%.

Quindi sono mole “sicure” e “pulite”.

 

Studio: Confronto fra CUBITRON II e QUANTUM 3

Abbiamo effettuato una serie di prove sia in laboratorio che sul campo (cioè da clienti) confrontando il nostro Quantum 3 con il CUBITRON II:

  • AZIENDA TEST: Carpenteria metallica pesante, italiana
  • MATERIALE LAVORATO: Fe 510
  • Risultati: 
Confronto tra CUBITRON II e QUANTUM 3

In sintesi, dai nostri test abbiamo rilevato che:

  • GRATIO (quantità di materiale asportato/consumo del disco): superiore del 35% rispetto al Cubitron II.

  • MMR (quantità di materiale asportato nell’unità di tempo): superiore del 15% rispetto al Cubitron II.

  • WWR (consumo del disco nell’unità di tempo): 23% in meno di consumo del Quantum rispetto al Cubitron (considerato che il disco Norton è arrivato al diametro finale dopo 18 rilevazioni contro le 14 del Cubitron).

Possiamo quindi concludere che rispetto al Cubitron II 

 il Quantum 3 risulta essere migliore]

 

Il Quantum 3 infatti consente:

  • maggiore quantità di materiale asportato nello stesso tempo
  • minore consumo del disco

Tutto ciò si traduce in:

  • maggiore produttività,
  • maggiore aggressività del disco e quindi maggiore facilità di utilizzo da parte dell’operatore,
  • miglior confort per l'operatore,
  • maggiore riduzione dei costi di esercizio.

 

La gamma di prodotti Quantum 3

GAMMA PRODOTTI QUANTUM 3

 


 

Prova gratuita del disco abrasivo Quantum 3

Argomenti: Asportazione Materiale

Iscriviti al blog di Bianchet

Iscriviti al Blog

Articoli Recenti